Matteo Magni

Matteo Magni inizia in età giovanissima come DJ in club dell’area Pistoiese, preferendo da subito l’house più deep e soulful, i beats “downtempo” e l’old school hip hop.

Si innamora del reggae e in particolare della dancehall ascoltando alcune cassette che negli anni ’90 “pre-internet” giravano di bar in bar e inizia a produrre riddim per alcuni mixtape. Da questa attività nasce la passione per i “b sides” e le version che lo porterà a dar vita, insieme all’amico Rankin’Alpha, ai Dubital, uno dei primi progetti Dub italiani.

Con i Dubital produce 2 album, diverse compilation e ha l’onore di conoscere e collaborare – in studio e dal vivo – con personaggi del calibro di Mad Professor, Neil Perch di Zion Train e Lee Perry.
Negli stessi anni collabora alla produzione di un album per gli amici Minox, gruppo di culto della scena new wave italiana.

Parallelamente collabora con diversi artisti della scena reggae (Jaka, Michelangelo Buonarroti, Working Vibes, BR stylers) sia dal vivo, aggiungendo un tocco dub ai live set che in studio, con produzioni e remix. La collaborazione più stretta e longeva è quella con i concittadini Bomba Bomba, tra i pionieri della scena dancehall italiana, con i quali produce un album e li segue un po’ ovunque in giro per l’italia.

Con Mark One, potente voce dei Bomba Bomba, inizia poi il progetto B-Dub, con il quale firma altre produzioni per artisti reggae come Nico Royale, Mark One, Rankin’Alpha, Il Generale, Mr. Dill, Paulinho, Virtus… [].

Nel 2017 produce con Dubital “Science, Magic Logic“, l’album di una leggenda del dub e del reggae: Lee “Scratch” Perry.

I commenti sono chiusi.